Vai al contenuto

Il Lobo Temporale. Posizione, funzioni e caratteristiche

Il cervello di tutti i mammiferi, compresi gli esseri umani, contiene quattro lobi nella corteccia, che includono i lobi occipitale, parietale temporale e frontale. Il lobo temporale si trova appena sotto la fessura laterale e attraversa entrambe le fessure del cervello

Questa struttura vitale aiuta a elaborare le informazioni sensoriali, compresi il dolore e gli stimoli uditivi. Inoltre, aiuta a comprendere il linguaggio, a conservare i ricordi visivi e a elaborare e ricordare le emozioni.

Un danno a questa regione del cervello può avere conseguenze globali su quasi tutte le funzioni corporee, poiché gran parte di ciò che facciamo dipende dalle emozioni e dalle informazioni sensoriali.

Il lobo temporale prende il nome dalla sua vicinanza alle tempie. Si trova verso la base del centro della corteccia, appena dietro le tempie. Come tutte le altre regioni del cervello, non è un organo separato. Invece, il lobo temporale interagisce e dipende da tutte le altre regioni del cervello, oltre che dalle informazioni sensoriali sul mondo circostante. Pertanto, il lobo temporale – e il cervello che supporta – è un organo dinamico.

Piuttosto che controllare la mente, essa impara dall’ambiente, creando una complessa interazione mente-corpo-ambiente che modifica costantemente le esperienze soggettive di una persona. Sebbene tutti i lobi temporali abbiano una struttura simile, le esperienze che si verificano nel lobo temporale di ogni persona sono uniche.

Sistema limbico

Il lobo temporale è una parte importante del sistema limbico. Il sistema limbico è coinvolto nella motivazione, nelle emozioni, nell’apprendimento e nella memoria.

Sebbene il sistema limbico interagisca con altre aree del cervello, lavora direttamente con il lobo temporale per influenzare i componenti del sistema limbico.

Il sistema limbico stesso contiene strutture importanti, come l’amigdala e l’ippocampo. Queste strutture sono responsabili di processi chiave del cervello, come la memoria, l’apprendimento e l’attenzione.

Anche il lobo temporale, che interagisce con queste strutture, svolge un ruolo nella memoria, contribuendo alla formazione della memoria cosciente a lungo termine.

Grazie al collegamento con il sistema limbico, il lobo temporale contribuisce a una serie di stati automatici e funzioni corporee. Questo include, tra l’altro, gli stati di eccitazione sessuale, i livelli di ansia e l’appetito.

Area di Broca

L’area di Broca è la regione del lobo temporale responsabile della capacità di parlare e di usare il linguaggio in modo fluente.

Area di Wernicke

L’area di Wernicke è una regione del lobo temporale dominante. È responsabile dell’elaborazione e del significato del parlato e dello scritto. L’area di Wernicke aiuta la persona a comprendere il linguaggio e la parola.

Il lobo temporale non è un organo indipendente. Interagisce direttamente con altre regioni del cervello e invia e riceve segnali da e verso il midollo spinale, consentendo di comunicare con tutto il corpo. Un danno al lobo temporale può quindi influenzare il funzionamento di organi distanti e un danno a organi completamente estranei al lobo temporale può compromettere la sua capacità di ricevere, elaborare e rispondere a vari segnali.

Poiché il lobo temporale ospita gran parte del sistema limbico, esso è fortemente influenzato da una serie di funzioni corporee automatiche, come la frequenza cardiaca, l’eccitazione, l’ansia e stati simili. Nel tempo, le alterazioni di questi stati possono influenzare altre funzioni corporee.

Per esempio, un trauma infantile predispone alcune persone a uno stato cronico di ansia che le mantiene in uno stato di lotta o fuga. Ciò inonda l’organismo di ormoni come il cortisolo e può portare a infiammazioni croniche e persino a problemi di salute come l’infertilità.

Come suggerisce la sua posizione vicino alle tempie, il lobo temporale svolge un ruolo fondamentale nell’elaborazione uditiva. Questa funzione comprende la percezione dei suoni, l’assegnazione di un significato a tali suoni e la loro memorizzazione. Gran parte del lavoro uditivo del lobo temporale viene elaborato attraverso il giro temporale superiore, una struttura del lobo temporale che riceve l’input sonoro direttamente dall’orecchio. Alcune delle sue altre funzioni includono:

  • La formazione delle memorie visive, comprese quelle a lungo termine. Insieme all’amigdala e all’ippocampo, due strutture del sistema limbico, il lobo temporale è fondamentale per la formazione dei ricordi coscienti.
  • Interpretare il significato degli stimoli visivi, compreso il riconoscimento degli oggetti. Vedere un oggetto non è sufficiente. Affinché la visione sia utile, bisogna anche capire cosa si sta vedendo. La parte ventrale del lobo temporale aiuta ad assegnare un significato alle immagini che vediamo ogni giorno. Senza il lobo ventrale, non saremmo in grado di riconoscere i volti o di leggere il linguaggio del corpo.
  • Produzione vocale. Il lobo temporale contribuisce alla produzione del linguaggio. La disfunzione di quest’area del cervello può portare a difficoltà nel parlare, anche quando le altre strutture sono intatte o si riesce a pensare consapevolmente a ciò che si vuole dire.
  • Riconoscimento vocale. La corteccia uditiva del lobo temporale è fondamentale per l’ascolto e la comprensione del parlato, ma ci sono altre strutture nel lobo temporale che aiutano a comprendere e a dare significato al linguaggio. Senza il lobo temporale non saremmo in grado di dare un nome agli oggetti, di ricordare gli scambi verbali o di riconoscere il linguaggio.
  • Controllare le reazioni inconsce e apparentemente automatiche, come l’appetito, la sete o la fame.
  • Aiutare l’organismo a mantenere l’omeostasi. Si noti che questa importante funzione è condivisa da molte regioni cerebrali.
  • La causa più comune di lesioni del lobo temporale è l’ictus
  • Le lesioni che occupano spazio possono essere tumori cerebrali primari, benigni (come un meningioma) o maligni. Possono anche essere tumori secondari o carcinomi metastatici, il più delle volte provenienti da un tumore al polmone o al seno.
  • Può essere il risultato di un trauma cranico o di un danno chirurgico dovuto all’asportazione di un tumore da quella regione. Le lesioni alla testa spesso includono ematomi extradurali e lesioni da contusione (lesioni cerebrali sul lato opposto al punto di impatto). L’intervento chirurgico per l’epilessia intrattabile del lobo temporale è ben consolidato e comporta un’alterazione della funzione del lobo temporale.
  • La compromissione progressiva del linguaggio può far parte della demenza frontotemporale. Si manifesta più precocemente della malattia di Alzheimer e circa il 50% ha una storia familiare che suggerisce un’eredità autosomica dominante.
  • Encefalite, in particolare encefalite da herpes simplex.
  • Altre patologie, come la sclerosi multipla, possono interessare i lobi temporali, anche se si tratta di una manifestazione rara.

Poiché il lobo temporale è coinvolto in molte funzioni corporee, un danno al lobo temporale può essere catastrofico. Un danno grave può portare a emorragie pericolose per la vita, coaguli di sangue e altre condizioni che possono portare alla morte se non trattate.

La prognosi associata al danno del lobo temporale dipende in larga misura dalla localizzazione del danno, dalla fonte del danno e da una pronta assistenza medica. Per esempio, una persona che si rivolge tempestivamente a un medico in risposta a una possibile lesione cerebrale può vedere una minore crescita di tale lesione e quindi un minore danno al lobo temporale. Anche la qualità del trattamento, compresa la terapia occupazionale e logopedica, nonché la salute generale, la dieta, lo stile di vita e l’età influiscono sulla prognosi.

In definitiva, però, non c’è modo di prevedere con assoluta certezza la prognosi di una lesione del lobo temporale. Il cervello rimane un organo misterioso e ci sono molte cose che non sono ben comprese; alcune persone, per esempio, rimangono in grado di parlare anche nonostante un danno significativo all’area di Broca, mentre altre perdono completamente il linguaggio in risposta a un danno minore. Allo stesso modo, alcune persone guariscono spontaneamente da un grave danno al lobo temporale, mentre altre fanno pochi progressi con il trattamento. Ci sono eccezioni a ogni regola, ma il medico è la migliore fonte di previsioni sul vostro infortunio e uno stile di vita sano può solo migliorare la prognosi.

Gli effetti delle lesioni del lobo temporale sono molteplici e possono comprendere

  • Epilessia del lobo temporale: la forma più comune di epilessia e la causa più comune di crisi, l’epilessia del lobo temporale produce un’attività elettrica incontrollata nel cervello che può portare a crisi epilettiche.
  • Varie forme di afasia, un disturbo del linguaggio e della parola. I danni all’area di Broca tendono a compromettere la capacità di parlare, mentre quelli all’area di Wernicke possono compromettere la capacità di comprendere il linguaggio.
  • Disturbi della memoria. La natura del disturbo dipende dalla localizzazione della lesione, ma i problemi più comuni sono la difficoltà a riconoscere persone, volti o oggetti, la scarsa memoria a lungo termine, i disturbi della memoria autobiografica e la scarsa memoria uditiva.
  • Cambiamenti di personalità, soprattutto per quanto riguarda la regolazione emotiva e le interazioni interpersonali.
  • Cambiamenti nell’immagine e nella percezione di sé: poiché il lobo temporale ospita molti dei nostri ricordi, i disturbi o la perdita della memoria autobiografica possono portare a cambiamenti nella personalità e nel senso di sé.
  • Cambiamenti nei comportamenti automatici, come fame, sete, appetito e desiderio sessuale. Alcune persone con disturbi del lobo frontale sviluppano dipendenze, comportamenti sessuali inappropriati, scarso controllo degli impulsi e aggressività. I cambiamenti nell’appetito possono essere particolarmente problematici, in quanto sia l’eccesso che la carenza di cibo possono influire sulla salute generale, influenzando la funzione cerebrale e aggravando danni preesistenti.
  • Cambiamenti nella funzione esecutiva. Alcune persone con danni al lobo temporale hanno difficoltà a pianificare o coordinare le proprie azioni.
  • Cambiamenti nella navigazione e nel ragionamento spaziale. I danni al lobo frontale compromettono la memoria e il ragionamento spaziale, compresa la guida, si basa molto sulla memoria. Di conseguenza, alcune persone con danni al lobo temporale possono avere difficoltà a guidare, a prestare attenzione ai segnali fisici o a orientarsi nel mondo.

Di seguito viene fornita una breve descrizione di alcuni disturbi che sono spesso associati a lesioni o disturbi dei lobi temporali

Dislessia

Potrebbe esistere un legame tra la dislessia e il lobo temporale.

La dislessia provoca difficoltà nella lettura, in quanto il cervello ha difficoltà a ricavare il significato dal linguaggio. La persona può avere problemi di riconoscimento delle parole o dei suoni e può avere difficoltà ad associare alcuni suoni del linguaggio al loro significato.

Le persone affette da dislessia possono avere un’attività ridotta nel lobo temporale sinistro.

Afasia di Wernicke

L’afasia di Wernicke, o afasia recettiva, colpisce la capacità di comprendere o utilizzare il linguaggio. Possono usare male le parole o parlare in un modo che non ha senso.

L’afasia di Wernicke si verifica solitamente nelle persone che hanno avuto un ictus ischemico del lobo temporale.

Epilessia del lobo temporale

L’epilessia del lobo temporale è una delle forme più comuni di epilessia parziale negli adulti, come si legge in uno studio pubblicato su Imaging Brain Diseases. Questa condizione causa un’attività elettrica incontrollata nel cervello che può portare a crisi epilettiche.

Malattia di Pick

La malattia di Pick, o demenza frontotemporale, è una forma meno comune di demenza che causa danni o atrofia nei lobi frontali e temporali.

La condizione può includere cambiamenti di stati come l’umore, i livelli di attenzione, il comportamento irritabile o aggressivo.

Una persona affetta dalla malattia di Pick può anche perdere la capacità di usare correttamente il linguaggio. Potrebbero non essere in grado di parlare o di riconoscere il linguaggio. Possono anche perdere la capacità di leggere o scrivere e possono subire una perdita generale del vocabolario.

Schizofrenia

Esiste un legame tra la schizofrenia e un deficit o un danno al lobo temporale, all’interno della corteccia uditiva primaria nel lobo temporale sinistro.

Questa condizione può causare alcuni dei principali sintomi della schizofrenia, come sentire voci esterne o altre allucinazioni uditive.

Ismael Abogado

Ismael Abogado

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *